Il Caffè: Le specie coltivate

Il caffè si ottiene dalla macinazione di semi di alcune piante tropicali che appartengono al genere Coffea.
Commercialmente due diverse specie vengono presentate come diverse varietà di caffe: Arabica e Robusta.

Il Caffè: Arabica e Robusta


L'Arabica è una pianta originaria dell'Etiopia, del Kenya settentrionale, del Sudan sud-orientale e poi in seguito nello Yemen.

Rispetto alle altre specie diffuse, i semi hanno un contenuto minore di caffeina e le coltivazioni sono predilette ad alta quota tra i 1000 e 2000 metri. L'espansione è iniziata in Indonesia nel 1699.

La Robusta ha origini tra la Guinea e l'Uganda, nell'Africa tropicale. Coltivandola anche a quote sotto i 700 metri e quindi molto adattabile è più economica. Essendo una pianta ollogama, richiede impollinazioni incrociate che la possono geneticamente differenziare più facilmente rispetto all'Arabica. La sua coltivazione è iniziata soltanto nell'ottocento.


Il Caffè: Liberica e Excelsa


Tra le specie di caffè meno diffuse troviamo la Coffea liberica. Le sue origini provengono dalla Liberia ed è coltivata in Indonesia e nelle Filippine. L'Excelsa invece è stata scoperta nel 1903 in Africa battezzata col nome Coffea excelsa. In seguito si è ritenuto che fosse solo una variante di Coffee liberica. In ogni caso questa variante continua ad essere chiamata Excelsa da coltivatori e commercianti.

Prodotto aggiunto alla Lista desideri
Prodotto aggiunto per il confronto